tumore_seno.jpgAnche in Italia si sta registrando, nelle ultime settimane, un picco di richieste di test genetici per la rilevazione del gene ‘difettoso’ che può causare il tumore al seno. Il picco della richiesta di tale esame è certamente riferibile al caso di Angelina Jolie che ha rivelato di essersi fatta operare di mastectomia dopo aver scoperto di essere portatrice del gene-
Le richieste per eseguire i test che evidenziano mutazioni a carico dei geni collegati al cancro al seno, BRCA1 e BRCA2, a Roma ”sono aumentate dell’80%”, afferma infatti la responsabile dell’Unita’ di diagnosi e terapia in senologia dell’Ospedale Sant’Andrea, Adriana Bonifacino. Anche al Centro privato romano ‘Artemisia main center’, rileva il genetista Alvaro Mesoraca, ”dopo il caso Jolie abbiamo registrato un aumento di almeno il 20% delle richieste per questo tipo di test”. L’impennata di richieste per test genetici si registra pure all’Istituto nazionale Tumori (Int) di Milano, dove sono ”più che raddoppiate”.

Un invito a non creare allarmismi e a favorire un ”approccio razionale” alla vicenda arriva dal genetista Bruno Dallapiccola: ”Una ‘mutilazione’ come quella della Jolie, con l’asportazione totale dei seni, non azzera comunque il rischio di poter essere colpiti dal cancro. Anche con la mastectomia, infatti – sottolinea – la donna portatrice di tale mutazione genetica avra’ comunque il 5% di possibilita’ di sviluppare recidive, o potrà avere un tumore all’ovaio al quale la mutazione rende suscettibili”. Per questo, afferma il genetista, ”la cosa migliore in caso di familiarita’ per tumore al seno e’ quella di fare eventualmente il test, e poi sottoporsi a controlli molto frequenti, massimo ogni sei mesi”, poiche’ la diagnosi precoce ”garantisce il successo dei trattamenti in un’alta percentuale di casi”.

29 maggio 2013 – fonte: ansa

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui