Master_Libera.jpgGestione e riutilizzo di beni e aziende confiscati alle mafie”. È il titolo del master di secondo livello che si terrà al Cirsfid (Centro Interdipartimentale di ricerca) dell’Università di Bologna, da aprile 2017 a marzo 2018, e a cui è possibile iscriversi fino al 30 gennaio 2017 sul sito dell’Alma Mater Studiorum, in questa sezione.

La selezione si terrà sulla base della valutazione dei titoli e di un colloquio motivazionale. Coop Alleanza 3.0 sostiene per la quinta edizione (finanziando tre borse di studio a copertura della II rata d’iscrizione) il master che è “un percorso di studi professionalizzante – spiega il suo direttore, Stefania Pellegrini, professore associato presso il dipartimento di Scienze Giuridiche – frequentato da commercialisti, ingegneri, avvocati, geologi, agronomi, persone che vogliono occuparsi sia della gestione del bene confiscato che del suo riutilizzo”.

La normativa vigente è molto tecnica e va conosciuta per poter ottenere l’assegnazione, trovare finanziamenti per il progetto e la gestione. “Il progetto di riutilizzo del bene deve essere condiviso con il territorio – sottolinea Stefania Pellegrini – altrimenti verrebbero vissuti come un corpo estraneo. Ci sono bellissime esperienze in tutta Italia da approfondire. Anche in Emilia Romagna”. 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *