Barroso.jpgIn un Italia tutta concentrata sulla formazione del nuovo governo, rischiano di non avere la giusta attenzione alcune notizie in arrivo dall’Europa. Infatti, prima il presidente della Commissione Ue Barroso e poi il commissario agli affari economici Rehn, nel giro di un paio di giorni, hanno sostanzialmente detto che la politica del rigore e del’austerità, sin qui imposta da Bruxelles (e dalla Germania) può subire un allentamento. Il primo a parlare è stato Barroso che ha detto che “la politica del’austerità, pur convinto che sia fondamentalmente giusta, abbia raggiunto i suoi limiti”. Ieri invece, Olli Rehn ha detto che “il rallentamento del consolidamento è possibile ora grazie agli sforzi compiuti dai paesi in difficoltà”. E’ chiaro che queste disponibilità (per ora a parole e dette con formule generiche), se si traducessero in fatti, potrebbero significare per l’Italia (e per gli altri paesi come Spagna, Grecia e Portogallo), avere un qualche margine in più per sostenere l’economia e i consumi domestici. Tra l’altro l’Italia ha centrato l’obiettivo di un deficit 2012 che rispetta il parametro del 3% nel rapporto col Pil(cosa non riuscita a Francia, Spagna ed altri). Ovviamente sui conti italiani continua a pesare l’enorme debito pubblico, cresciuto  dal 120% del Pil nel 2011, al 127% nel 2012. Se e quando in Italia ci sarà un governo in funzione vedremo se dall’Europa arriverà un aiuto a allentare la morsa delle recessione.
(26/4/2013)

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui