Caldo.jpgIl mondo ha davanti a sé solo 10 anni per evitare la catastrofe climatica, derivante dall’aumento delle temperature di cui la prima causa sono i combustibili fossili usati dall’uomo. Dunque occorre trovare al più presto un accordo globale tra tutti i paesi per metterci al sicuro e tagliare le emissioni di gas serra. Secondo le anticipazioni già note, la drastica indicazione emerge dal quinto rapporto che l’Ipcc (Intergovernamental Panel on Climate Change), la task force scientifica dell’Onu che ha vinto il Nobel per la pace, renderà pubblico venerdì prossimo a Stoccolma.
Il testo del rapporto, 2.200 pagine frutto di 6 anni di lavoro di 209 scienziati coadiuvati da un team di 1.500 esperti, è ora al vaglio dei governi ma i numeri sono ormai definiti. Gli scenari previsti per la fine del secolo sono quattro. Nel più drammatico – prendendo la media delle previsioni – i mari saliranno di 62 centimetri e la temperatura crescerà di 3,7 gradi rispetto al periodo 1986 – 2005: dunque sfonderà il muro dei 4 gradi rispetto all’epoca preindustriale, con conseguenze devastanti sul pianeta.
Il rapporto Ipcc, che arriva a 6 anni di distanza dal precedente è il primo di quattro attesi l’anno prossimo sul cambiamento climatico. I governi si sono già detti d’accordo a trovare un’intesa a livello di Nazioni Unite entro la fine del 2015.
Fra le attività umane “responsabili” del riscaldamento globale dal 1950 al primo posto è la combustione dei fossili, che avrebbe poi provocato il riscaldamento dell’oceano, lo scioglimento di neve e ghiacci, avrebbe sollevato il livello medio globale del mare, e cambiato alcuni eventi climatici estremi.
“Mi aspetto che il mondo capirà la semplicità e la gravità del nostro messaggio” ha detto il presidente dell’Ipcc, Rajendra Pachauri, dopo la sessione di apertura. Il cambiamento climatico “trasformerà le nostre vite, le nostre economie e di sicuro il modo in cui il nostro pianeta funzionerà in futuro” ha spiegato ai delegati il direttore del Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite, Achim Steiner. Un cambiamento verso un’economia più verde, basata su fonti rinnovabili, porterebbero molteplici benefici per la società, ha aggiunto.

(24/09/2013)

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui