Aspirapolvere.jpgCiclonico o anticiclonico? Non ci riferiamo al clima della ormai prossima estate, ma al funzionamento dell’aspirapolvere, un termine alquanto riduttivo e insufficiente oggi per definire una moltitudine di apparecchi “ammazzapolvere” molto differenziati tra di loro.

Prendiamo l’aspirapolvere con il sistema ciclonico, inventato da un’azienda inglese, che è balzato in cima alle preferenze degli italiani. In Coop copre il 60% del venduto contro il 40% dei modelli normali a sacchetto. Come funziona? Al pari di certe macchine che nei mulini separano la pula dal grano, lo sporco una volta entrato viene praticamente centrifugato: un sistema di coni costringe i flussi d’aria a compiere un movimento a spirale e i residui finiscono così nel contenitore senza ridurre il “tiraggio” né intasare il filtro come nei modelli tradizionali, dove l’aria passa attraverso il sacco. Un bel vantaggio, apprezzabile soprattutto negli aspirapolvere multiciclonici capaci di separare quasi del tutto la polvere, a differenza dei monociclonici che vi riescono all’incirca al 75%.

Oltre ad evitare la  perdita di aspirazione, i “ciclonici” consentono un risparmio economico sui sacchetti di carta (difficili perlopiù da reperire per la grande varietà dei modelli in commercio) e hanno un minore impatto sui consumi, soddisfacendo i nuovi requisiti europei che individuano nella capacità di raccolta della polvere, e non più nel wattaggio (vedi box), il criterio prevalente di risparmio energetico. Possono inoltre montare anch’essi il filtro HEPA, ideale per chi è allergico. Il loro prezzo medio si aggira intorno ai 100 euro, tra il 15% e il 20% in più di quanto occorre per un aspirapolvere a sacco che vanta dalla sua una capacità del serbatoio generalmente superiore e qualche fastidio in meno nello svuotamento.

Ancora più recenti sono i robot aspirapolvere. L’interesse per queste macchine completamente automatizzate tuttavia si sta affievolendo così come non decollano le vendite dei bidoni aspiratutto, degli aspirapolveri ad acqua e dei più professionali aspirapolveri a vapore. Questi ultimi, un po’ ingombranti, sono dei veri “tuttofare”, che ammorbidiscono lo sporco con l’acqua, lo sciolgono ad alte temperature e lo rimuovono a pressione: sono utili su varie superfici, dai pavimenti ai vetri ai materassi, fino alle tapparelle e ai cerchioni per auto, nonché nella lotta ad acari e allergeni. 

Aspirando tutti i giorni. Grazie al peso che si è alleggerito e alle dimensioni ridotte, la scopa elettrica è riuscita a vincere le iniziali diffidenze delle casalinghe ed è ormai l’elettrodomestico di eccellenza per le pulizie di tutti i giorni o per case su più piani (ma chi usa ancora la vecchia ecologica scopa non deve sentirsi per questo da meno). Il 30% del venduto in Coop in questo settore è occupato proprio dalle scope elettriche con o senza il sacchetto; anche qui la versione “ciclonica” è in ascesa. Rispetto alle scope elettriche con il filo, quelle ricaricabili a batteria sono più pratiche ma meno potenti e con il problema dell’autonomia (al massimo un’ora). La batteria aggiunge inoltre ulteriore peso al corpo dell’elettrodomestico.

Le ricaricabili stanno lentamente sostituendo un altro piccolo elettrodomestico, l’aspirabriciole, che nei modelli ibridi è incorporato e staccabile all’occorrenza. Ciò  consente di risolvere il problema del peso e di prendere due piccioni con una fava… Alcuni modelli  montano le batterie stilo di tipo AA o AAA, più facili da sostituire quando l’autonomia diminuisce troppo con l’uso. E anche questo aiuta la loro diffusione.

maggio 2015

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui