Bottiglie_plastica.jpgL’Italia detiene il non lusinghiero primato europeo per il consumo di acqua minerale procapite: nel 2011 ciascuno di noi ha consumato ben 188 litri. Dei 12,350 miliardi di litri imbottigliati nel corso di quell’anno, oltre 11,320 miliardi sono stati consumati dentro i confini nazionali. Si tratta di un volume d’affari pari a 2,25 miliardi di euro che riguarda ‘solo’ 168 società che gestiscono 304 diverse marche commerciali.
Aggiungiamoci pure  che le ditte imbottigliatrici approfittano del caos che regna sui canoni di concessione per i prelievi alla fonte per pagare alle Regioni e ai Comuni canoni irrisori. Che solo un terzo delle bottiglie è riciclato, mentre la maggior parte continua a finire in discarica o viene dispersa nell’ambiente. E che l’85% dei volumi è trasportato su gomma.
Legambiente e Altreconomia, nella Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo scorso, hanno ancora una volta ricordato che sulla questione dei canoni di concessione la Conferenza Stato-Regioni si è espressa già nel 2006, indicando un valore di riferimento di 30 euro per ettaro e un importo tra 1 e 2,5 euro per metrocubo imbottigliato.

Eppure ancora oggi regna il caos e gli italiani continuano a non bere l’acqua municipale, seppure sicura e controllata, preferendo gravare sul loro budget familiare per un acquisto spesso di lusso.

(16 aprile 2013)

fonte: tuttogreen.it

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui