"Acquacoltura, una risposta
a basso impatto ambientale"

Intervista al professo Paolo Melotti dell'Università di Camerino

Professore, l’acquacoltura cresce ma alcuni le imputano conseguenze disastrose sull’ambiente: le specie carnivore hanno bisogno di tonnellate di pesce fresco e andrebbero limitate. È d’accordo?
È il caso di ricordare – risponde il professor Paolo Melotti della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Camerino – che sono poche le specie che consumano direttamente pesce fresco o decongelato, tra queste il tonno e la ricciola. Questo tipo di dieta ha un basso indice di conversione e pertanto occorrono parecchi kg di cibo per ottenere 1 kg di incremento ponderale; ne risulta un notevole impatto ambientale dovuto ai residui delle grandi quantità di cibo somministrato e alle deiezioni dei pesci allevati. Nel caso delle specie che utilizzano mangimi bilanciati, quali salmonidi, l’orata e il branzino, l’impatto ambientale è invece molto ridotto poiché sono sufficienti basse quantità di alimenti (kg 1-1,5) per produrre 1 kg di pesce.

I ricercatori del progetto europeo ‘Aquamax’ hanno messo a dieta vegetariana salmoni e trote salmonate, dicendo che è una scelta più sicura anche per la nostra salute. Che ne pensa?
Le sperimentazioni, tuttora in corso, finalizzate alla sostituzione delle proteine animali con vegetali nei mangimi per pesci, hanno l’obiettivo di ridurre i costi e risparmiare l’uso di farina di pesce; se in linea di principio l’idea è condivisibile, non bisogna dimenticare che si tratta di pesci carnivori che non possono essere trasformati in erbivori per soddisfare le nostre esigenze. L’uso di diete vegetali è responsabile della riduzione degli omega-3 nelle carni dei pesci aumentando la frazione di omega-6 che sono largamente rappresentati nei vegetali. In tal modo, si riducono gli effetti benefici degli omega-3 che, come noto, riguardano la circolazione, la funzionalità cardiaca, l’efficienza del sistema immunitario agendo favorevolmente nella prevenzione di gravi malattie quali Alzheimer, artrite reumatoide e cancro.

È vero che il pesce allevato è meno soggetto a stress da cattura rispetto a quello selvaggio, per cui si mantiene fresco più a lungo?
È sicuramente vero poiché vive a stretto contatto con l’uomo di cui non ha timore e alla cattura segue immediatamente la morte che può essere ottenuta per immersione in acqua e ghiaccio, per asfissia con anidride carbonica o con shock elettrico. Al contrario, i pesci pescati vanno incontro a una morte lenta una volta intrappolati nella rete e inoltre dopo il decesso possono restare in acqua per molte ore prima del recupero. Ciò oltre a stressare gli animali prima della morte, può compromettere notevolmente le caratteristiche organolettiche delle carni. 
 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui