La tariffa italiana si attesta in media a 1,64 euro per mille litri di acqua: è uno dei livelli più bassi d’Europa. «Il livello tariffario basso è anche il riflesso di un lungo periodo di scarsi investimenti, che fortunatamente hanno ripreso e che nei prossimi anni dovranno continuare a crescere». Così ha detto Giordano Colarullo, direttore generale di Utilitalia, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo scorso. Colarullo ha parlato di «adeguamenti tariffari che dovranno naturalmente garantire l’accesso a questo bene essenziale a tutti». Con 34 euro di investimenti annui per abitante, oggi siamo molto distanti dai 129 euro della Danimarca, dai 102 euro del Regno Unito, dagli 88 euro della Francia e dagli 80 della Germania. La richiesta delle aziende è di portarli anche in Italia «ad almeno 80 euro».

Nonostante i rincari annuali (+5% quest’anno) le bollette restano tra le più leggere in Europa. Il paradosso però è che nonostante ciò gli italiani le evadono più di quelle del gas o dell’energia elettrica. «Gli indici di morosità sono più elevati – spiegano le aziende – perché c’è la convinzione che comunque l’acqua non verrà mai staccata per legge». Viene però ridotta la pressione e farsi la doccia diventa un problema. Il 3% dell’acqua potabile inoltre viene sottratto senza autorizzazione o sfugge ai contatori. Paghiamo, dunque, tutti quanti anche per i tanti che non pagano, un fenomeno che risulta più marcato all’interno dei condomini più grandi e con un contatore unico.

Redazione

Redazione

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui