Si coltiva, cresce, si sviluppa come una pianta, un progetto, una passione: quella per la terra e la buona tavola. Parliamo di FICO – il parco dedicato alla biodiversità ed alla cultura del cibo italiano, dal campo alla forchetta – che sta nascendo a Bologna. Qui, dal prossimo autunno, su una superficie di 80mila metri, sarà possibile immergersi in un “viaggio” attraverso un ettaro di campi e stalle dimostrative, 40 fabbriche per assistere alla produzione del meglio della nostra enogastronomia, 25 ristoranti per assaggiarla, botteghe per portare a casa sapori e profumi unici, 10 aule per la didattica e la formazione e 4 mila metri quadrati di padiglioni per eventi, iniziative culturali e didattiche.

Ma a che punto siamo coi lavori? Da aprile si sta smantellando il cemento, si piantano alberi e si trasforma il vecchio edificio del Caab, il mercato ortofrutticolo di Bologna dalla cui riconversione sta nascendo il Parco.  Alla guida del progetto ci sono il fondatore di Eataly, Oscar Farinetti, e Tiziana Primori, amministratore delegato di FICO Eataly World, la società di gestione costituita fra Coop e Eataly: “Già ora – spiega Primori –  ci sono 40 eccellenti aziende italiane, grandi e piccole, all’opera per realizzare le fabbriche di tutti i prodotti più celebri della cucina italiana ed ha preso il via la promozione del progetto in tutto il mondo”.

Visto che, di 6 milioni l’anno di visitatori attesi, 2 sono dall’estero, a novembre la Fabbrica è stata tra i protagonisti della Prima settimana della cucina italiana nel mondo, promossa dal ministero degli Affari esteri, con una presentazione a New York. Un successo, come quello riscosso nella presentazione di Dubai.

E sta crescendo anche l’anima culturale e didattica del parco, sottolinea Andrea Segré, presidente di Caab e della neonata Fondazione FICO per l’educazione alimentare ed alla sostenibilità. Un’istituzione che dovrà occuparsi di formazione, ricerca, promozione e didattica sul cibo sostenibile, anche a beneficio di 100 mila bambini e ragazzi delle scuole, che a FICO troveranno 5.000 attività educative ogni anno: “Vogliamo scommettere sulla possibilità di invertire la tendenza planetaria verso diete di scarsissima qualità nutrizionale e altissimo valore calorico – dice Segrè – E valorizzare, con la dieta mediterranea e il suo benefico portato per la salute, i modelli di produzione agricola e di consumo alimentare sostenibili dal punto di vista economico, ambientale, energetico e sociale”.

Una scommessa che passa dal piatto, fondamentale anche secondo l’Onu, visto che nei prossimi anni un essere umano su tre sarà afflitto dall’obesità, e dalle sue conseguenze sul piano della salute.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui