Nel rivestimento dei tegami antiaderenti si può trovare il politetrafluoroetilene Ptfe (più conosciuto con i nomi commerciali dei prodotti in cui è contenuto, per esempio i marchi registrati come Teflon, Fluon, Algoflon, Hostaflon, Inoflon). Il Ptfe è un materiale considerato inerte, ovvero non reagisce con altre sostanze chimiche, non è infiammabile, non conduce elettricità e rimane stabile fino a temperature molto elevate (vicine ai 300 gradi). Proprio per queste caratteristiche l’impiego nel rivestimento antiaderente nei tegami non costituisce di per sé un rischio per la salute, soprattutto se la manutenzione è corretta: queste pentole non vanno graffiate e devono essere sostituite quando il film di rivestimento è danneggiato.

La potenziale pericolosità dei tegami antiaderenti sarebbe da associare invece alla presenza (peraltro sempre più rara nei prodotti moderni), dell’acido perfluoroottanoico (Pfoa), utilizzato in alcuni processi di preparazione del prodotto finale.

Il Pfoa è classificato dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro in classe 2B (possibilmente cancerogeno per l’uomo) e in effetti studi condotti in animali di laboratorio hanno mostrato un aumento di tumori di fegato, testicoli, mammella e pancreas dopo esposizione a Pfoa (spesso a dosi molto elevate e per periodi prolungati). I dati degli effetti sugli esseri umani sono però meno chiari e si basano in particolare su studi condotti in persone esposte per motivi professionali o che risiedono vicino a un impianto di produzione. In questi casi vi sarebbero evidenze che farebbero sospettare un possibile incremento del rischio di alcuni tumori (vescica, testicolo, fegato e altri), ma servono dati più affidabili per arrivare a conclusioni definitive.

Il Pfoa appartiene a una più ampia classe di sostanze, ovvero le perfluoroalchiliche (Pfas) che sono composti chimici prodotti dall’uomo e pertanto non presenti naturalmente nell’ambiente. Per le loro proprietà (elevata stabilità chimica e termica e impermeabilità all’acqua e ai grassi) sono utilizzati per rendere le superfici repellenti ad acqua e olio, e per aumentare la resistenza alle alte temperature di tessuti, tappeti e pellami.

I Pfas hanno vari impieghi, li troviamo ad esempio nei rivestimenti impermeabili per piatti di carta, padelle antiaderenti e imballaggi alimentari, e come coadiuvanti tecnologici nella produzione di fluoropolimeri (come appunto il Ptfe o Teflon).

Queste sostanze sono però molto persistenti negli ambienti e tendono ad accumularsi negli organismi viventi per lungo tempo. Per questo Coop, nella nuova linea di pentole a marchio Coop “amiche dell’ambiente” fatte con alluminio riciclato, ha scelto di utilizzare un rivestimento interno antiaderente (Ptfe Chemours) che è prodotto senza Pfoa e metalli pesanti (che sottoposti ad alte temperature possono essere dannosi per l’uomo), permette una eccellente cottura con pochi grassi e assicura un’elevata resistenza (la ghiera fra l’altro è in acciaio inossidabile).

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) forniti dall’utente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (il nominativo dell’Utente sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggono il commento). L’indirizzo e-mail potrà inoltre essere trattato per informare l’utente su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (es. risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, ecc.).

I dati personali forniti dall’utente saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al fine di fornire il servizio richiesto e, per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui l’articolo selezionato sarà pubblicato sul sito web.

La base giuridica di tale trattamento è connessa alla volontà dell’utente di lasciare un suo commento ad un articolo selezionato ed esplicitare pubblicamente le proprie opinioni (v. art. 6, par. 1, lett. b, GPDR, esecuzione di un contratto di cui l’Utente è parte o esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso).

I dati personali dell’utente saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o da altri soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

L’utente ha il diritto di ottenere da Editrice Consumatori Società Cooperativa, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando Editrice Consumatori Società Cooperativa ai recapiti quivi indicati.

Qualora l’utente ritenga che il trattamento dei suoi dati personali avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

Per visualizzare l’informativa integrale sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui