Ottobre è il mese in cui si programma il cambio degli pneumatici. Da metà novembre, infatti, scatta sulla maggior parte delle strade italiane (la normativa è articolata e regolata da ordinanze locali) l’obbligo di viaggiare con a bordo le catene o, ancora meglio, di aver montato le gomme invernali che aumentano il livello di sicurezza sul bagnato e sui fondi ghiacciati. Come molti sanno, gli invernali sono efficaci a una temperatura inferiore ai 7 gradi centigradi, mentre al di sopra “soffrono” fenomeni di cristallizzazione e di usura anticipata.

Se abitate in località caratterizzate da inverni miti o vi siete chiesti perché il periodo di obbligatorietà (che dura fino al 15 marzo) non si adegui al cambiamento climatico – che sta alzando un po’ ovunque le temperature medie – c’è una soluzione valida in alternativa agli pneumatici invernali. Sono gli “all seasons”, o multistagione, di nuova concezione, che riportano sul copertone  la sigla M+S (Mudd+Snow=Fango+Neve) richiesta dalle normative europee per viaggiare in superstrade/autostrade senza catene. Gli all seasons di ultima generazione hanno mescole e battistrada completamente ri-progettati e con una scolpitura particolare (vedi disegno a lato e foto sopra). In commercio dal 2015, assicurano prestazioni superiori ai multistagione più classici, e  chi li usa può dire addio senza rimpianti al doppio cambio annuale.

Non si addicono soltanto ad aree urbane o di pianura con temperature miti. Oltre al fattore climatico, altri criteri che ne suggeriscono l’acquisto sono se si percorrono pochi chilometri l’anno, tra i 10 e i 15mila, o se si possiede un 4×4 a trazione integrale su cui le prestazioni risultano più che sufficienti. Grazie alle nuove tecnologie, i  “quattro stagioni” stanno erodendo quote di mercato agli stagionali: hanno conquistato tra il 20 e il 25% delle vendite negli scorsi e questo, secondo gli esperti, sarà il loro anno, in un mercato in grande movimento dove il 65% degli automobilisti del vecchio continente – dicono le statistiche – ancora non sostituisce le gomme estive con quelle invernali, per pigrizia o per sottovalutazione del rischio.

Il risultato dei test e il calcolo dei costi I test effettuati dall’ente tedesco di supervisione tecnica GTÜ promuovono le nuove mescole che, contenendo una maggiore quantità di silice, riescono ad essere morbide anche con temperature rigide o comunque inferiori ai 7 gradi, mentre per ridurre l’aquaplaning presentano un numero più alto di lamelle e scanalature. Più alto, ma non eccessivo, in modo da non far esplodere i consumi nei mesi estivi per via del troppo attrito.

Queste migliorie tecniche, rapportate all’aderenza sull’asfalto e agli spazi di frenata, fanno concludere i tecnici tedeschi che «non ci sono riserve importanti per quanto riguarda la sicurezza. Gli “all seasons” garantiscono la mobilità anche in inverno, assicurando i requisiti obbligatori nella stagione fredda, e si pagano i costi». Pe la rivista tedesca Auto Bild, perciò, «vale sicuramente la pena di prenderli in considerazione al momento del cambio-gomme, sapendo, però, che si ottiene quello che si paga (cioè che i risultati sono convincenti sui prodotti top di gamma, meno sui più economici asiatici, ndr) e che gli estivi e gli invernali dedicati non possono essere ancora battuti in alcune aree di prestazione specifiche».

Per quanto riguarda il prezzo, quello dei “quattro stagioni” è leggermente inferiore nel caso di prodotti premium e di seconda fascia, mentre per i marchi di primo prezzo o “smarcati” la differenza con gli invernali è quasi nulla. Va considerato, inoltre, che in tasca rimane il centinaio di euro (tra sostituzione e rimessaggio dal gommista) del doppio cambio evitato degli stagionali.

Quanto alla somma dei chilometri percorsi e ai consumi di carburante, qualche contraccolpo è inevitabile visto che gli “all seasons” anche di ultima generazione sono comunque un compromesso: per avere un’aderenza accettabile sia d’estate che d’inverno, si sacrifica la riduzione dei consumi estivi e si limita la durata nel tempo.

Mano al portafoglio
205/55 R 16 (il formato più venduto) “all seasons”
Da 700 a 85 € circa

 “invernali”
Da 70 a 90 € circa

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Informativa breve

Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e del D. Lgs. 30.06.2003, n. 196, così come modificato ed integrato dal D. Lgs. 10.08.2018, n. 101 (c.d. Codice Privacy)

Editrice Consumatori Società Cooperativa tratta i dati personali (nominativo e indirizzo e-mail) da Lei forniti esclusivamente per pubblicare sul sito web il commento all’articolo selezionato (e il Suo nominativo sarà visibile a tutti i visitatori del sito web che leggano il commento), nonché per informarLa su eventuali aggiornamenti al commento pubblicato (risposta al suo commento da parte della redazione o di un altro visitatore della pagina, etc.).

I dati personali saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a perseguire le finalità sopra indicate, nonché per adempiere agli obblighi di legge imposti per le medesime finalità.

La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nella Sua volontà di esplicitare pubblicamente le proprie opinioni.

Il Titolare del trattamento è Editrice Consumatori Società Cooperativa, 40127 Bologna (BO), viale Aldo Moro, 16, indirizzo e-mail: privacy@consumatori.coop.it

I dati personali saranno trattati esclusivamente dal personale e dai collaboratori di Editrice Consumatori Società Cooperativa, da altri soggetti espressamente nominati come Responsabili del trattamento o, comunque, legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie, all’autorità giudiziaria.

Lei ha il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. GDPR). Apposite istanze possono essere presentate contattando il titolare del trattamento e/o il Responsabile per la protezione dei dati personali ai recapiti quivi indicati.

Qualora Lei ritenga che il trattamento dei dati avvenga in violazione di quanto previsto dal GDPR ha il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali (art. 77, GDPR), o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79, GDPR).

Per visualizzare l’informativa estesa sul trattamento dei dati personali relativa al sito web www.consumatori.e-coop.it clicca qui