Hera_rifiutologo.jpgAnche la tecnologia va in soccorso alla “rifiutologia“. Una serie di app scaricabili su tablet e smartphone offrono, infatti, al cittadino dei servizi aggiuntivi oltre ad aiutarlo a capire come dividere i rifiuti e dove smaltirli. Da postazione fissa, dunque, si possono consultare i siti web realizzati dai vari Comuni e dagli enti preposti alla raccolta (da Amaroma.it nella capitale, a Dovelobutto.net a Milano). Dai dispositivi mobili, in più, ci si può avvalere di applicazioni per Ios e Android come “Il dizionario dei rifiuti” o “Raccolta rifiuti”, che alle informazioni su come viene fatta la differenziata nel proprio comune di residenza uniscono un calendario della raccolta con tanto di notifica per non dimenticare giorno e orario, i numeri per prenotare un ritiro a domicilio e altre funzioni. Gli stessi gestori sperimentano soluzioni avanzate implementabili nella direzione della interattività.

Il gruppo Hera ad esempio mette la sua app “Il rifiutologo” a servizio di quasi 2 milioni di cittadini emiliano-romagnoli. Oltre a riconoscere 400 mila prodotti scansionando i codici a barre degli incarti e a dare l’indicazione per il conferimento in base al comune di residenza (aiutando così la raccolta differenziata), la app può identificare con il gps l’isola ecologica più vicina indicando orari e materiali trattati. Inoltre, in 54 comuni è possibile scattare e inviare foto-segnalazioni su discariche abusive o situazioni di degrado nei pressi dei cassonetti collaborando in questo modo alla messa in pulizia della città. Circa 8 mila sono le foto-segnalazioni inviate in due anni nella sola città di Bologna. Il cittadino che ne manda una, riceve da novembre una notifica che l’avvisa dell’avvenuto intervento.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *