Cucina/Ricette

Delizie laziali tra fave, indivia, carciofi e…

Le proposte di Marco Fiore, chef laziale che però opera a Bologna: tre piatti ispirati ai prodotti di stagione, partendo da un tortino di aliciotti, poi mezze maniche con le fave e infine un trionfo di verdure chiamato Vignarola

Cucina/Ricette

Pesce povero per realizzare grandi piatti

Da Fano ecco l’originale menu di Federico Delmonte. Si va dagli sgombri con le verdure a un tombarello all’anice. E poi dei passatelli, con aringa, succo di rucola e salsa al nero

Cucina/Ricette

Ecco i migliori ristoranti al mondo: il modenese Bottura è terzo

Consegnati a Londra i riconoscimenti per i 50 migliori ristornati e la Francescana di Massimo Bottura sale sul podio dietro al catalano Celler e al danese Noma. Altri 4 italiani in classifica

Cucina/Ricette

Slow Food: la pecora della Val di Funes

La Villnösser Brillenschaf (che letteralmente significa “pecora con gli occhiali della Val di Funes” ), è la razza ovina più antica del Sudtirolo: si è sviluppata nel Settecento, un ceppo locale altoatesino della pecora “Kärntner Brillenschaf” austriaca. La si riconosce perché ha il vello bianco e anelli neri attorno agli …

Cucina/Ricette

Ricette: tra Liguria Lombardia e Lazio

Tocca allo chef Claudio Sordi, che dal suo ristorante bolognese ci propone una ricetta ligure, una laziale e una milanese

Cucina/Ricette

Il broccolo di Paternopoli

Da secoli il territorio di Paternopoli è dedito alle coltivazioni orticole, la sua fama dovuta ai suoli fertili e alle numerose sorgenti d’acqua è menzionata già durante il ‘700 nelle relazioni dei vescovi del territorio inviate a Roma. Gli orti di Paternopoli erano noti per la varietà e la qualità …

Cucina/Ricette

Delizie e sapori di Campania

Da Sessa Aurunca il menu di Lorenzo Scalzone, con un tortino di mele, delle casarecce al ragù di pesce e, per finire, degli involtini di peperoni e prosciutto in un nido di scarola

Cucina/Ricette

Slow Food: Il cavolo alle pendici dell’Etna

Il cavolo trunzu è un cavolo rapa (Brassica oleracea var. gongylodes) coltivato da sempre nel catanese, in particolare negli orti di Acireale e delle località vicine. È di piccole dimensioni ma è riconoscibile in particolare perché la parte edule, presenta striature violacee, comune a molti ortaggi coltivati nei terreni lavici …

Cucina/Ricette

Da Urbino delizie di stagione

Stefano Ciotti propone tre ricette di grande fascino: da una crema tiepida di baccalà a dei paccheri con salsiccia, cipolla e liquerizia, sino a dei tortelli con funghi di bosco